gpt skin_web-gravidanza-0-0
gpt strip1_generica-gravidanza-0
Categoria
adsense-list-top

Esami e analisi in gravidanza

Esami in gravidanza

Sin dai primi momenti della gravidanza la futura mamma verrà seguita dal proprio ginecologo che le prescriverà una serie di esami e visite per monitorare l'andamento della gestazione. Gli esami del sangue e delle urine servono prevalentemente per tenere sotto controllo la salute della donna, diagnosticare eventuali malattie infettive o complicanze che possono mettere a rischio la gravidanza.

Esami del sangue in gravidanza

Il primo esame del sangue serve a monitorare i valori degli ormoni beta Hcg, ma anche a capire se ci sono patologie pericolose, come il Test di Coombs indiretto se si ha un fattore RH negativo per determinare la compatibilità sanguigna tra madre e figlio o quello per la Toxoplasmosi, una malattia che può causare problemi al feto se presa in gravidanza. L'emocromo completo va fatto ogni trimestre.

Esami delle urine in gravidanza

Gli esami delle urine vengono fatti regolarmente ogni trimestre al fine di valutare eventuali malattie che possono mettere a rischio la gravidanza, come il diabete gestazionale o la preeclampsia. Ricordate che va analizzata l'urina del primo mattino e il campione va portato in laboratorio al massimo entro un paio d'ore.

Esami esenti in gravidanza

Le future mamme sono esentate dal pagamento del ticket per alcune prestazioni per la gravidanza fisiologica o per quelle a rischio: dall'emocromo ed esame delle urine e quadri infettivi nei vari trimestri fino all'esame esame curva glicemica in gravidanza, alla cardiotocografia e ad altre prestazioni.

Esami gratuiti in gravidanza

Gli esami delle urine in gravidanza e quelli del sangue sono gratuiti se vengono effettuati in laboratori e strutture sanitarie pubbliche o convenzionate. Vengono sempre prescritti dal medico di base che indicherà dietro la ricetta il codice di esenzione della gravidanza. In generale, il Servizio Sanitario nazionale offre gratuitamente alle future mamme tre ecografie, una per ogni trimestre, l'ecografia morfologica e l'amniocentesi per tutte le donne che hanno più di 35 anni o per quelle che hanno avuto risultato positivo alla translucenza nucale.

Esami pre gravidanza

Se state programmando una gravidanza rivolgetevi al ginecologo che vi prescriverà una serie di esami preconcezionali: per la donna, ad esempio, gli esami ormonali come FSH ed LH, gli ormoni ipofisari che regolano il ciclo mestruale, estrogeni e progesterone, l'emocromo e il test del sangue per le malattie infettive; per l'uomo una visita andrologica e un esame del sangue per valutare il fattore Rh. In ogni caso si tratta di esami non obbligatori che potrebbero essere consigliati solo nel caso in cui si sta provando ad avere un bambino da un po' di tempo senza successo o in caso di problemi ereditari e aborti ricorrenti.

Esami del primo trimestre

Nei primi 3 mesi di gravidanza vanno fatti questi esami:

  • Beta Hcg
  • Test di translucenza nucale per valutare la percentuale di probabilità di eventuali malformazioni del feto
  • Esami delle urine
  • Esame del sangue
  • Test di Coombs indiretto se avete fattore RH negativo
  • Esplorazione ed ecografia transvaginale
  • Controllo della pressione
  • Prima ecografia

Esami del secondo trimestre

Questi gli esami e i controlli previsti nel secondo trimestre:

  • Bi-test e Tri-test, due test del sangue che danno risultati statistici sulla probabilità che il feto abbia malformazioni e anomalie cromosomiche
  • Controllo dell’alfafetoproteina per evidenziare una eventuale quantità di AFP insolitamente alta e che potrebbe essere sintomo di malformazioni del tubo neurale o della sindrome di Down in tuo figlio
  • Esame delle urine e esame del sangue
  • Test di O’Sullivan o curva e minicurva glicemica per valutare il diabete gestazionale
  • Amniocentesi e villocentesi
  • Ecografia morfologica ed ecodoppler

Esami del terzo trimestre

Negli ultimi mesi di gravidanza vanno fatti i seguenti esami:

Esami da fare in gravidanza mese per mese

Mese per mese sarà il ginecologo a stabilire e delineare nel dettaglio il calendario degli esami da fare in gravidanza, a prescrivere con codice di esenzione quelli che il SSN offre gratuitamente e a seguire l'andamento della gravidanza per evitare complicanze. E' bene ribadire, in ogni caso, che la gravidanza è e resta un evento fisiologico nella vita di una donna che va, quindi, certamente seguita dal medico ogni mese, ma non andrebbe medicalizzata con eccessivo carico di visite, esami, controlli ed ansie.